Interviste OneToOne

Possono coinvolgere sia gli utenti che gli stakeholders. Possono avvenire in diverse fasi del progetto, sia con scopi conoscitivi e di indagine preliminare, sia in fase di test per verificare l’efficacia di determinate funzionalità.

Le interviste prevedono domande aperte, con cui indagare necessità, pensieri, contesti in cui gli utenti si muovo.

Ovviamente il tipo di domanda varia in base al progetto e alla situazione da esplorare. Alcuni esempi possono essere:

  • (se l’oggetto dell’analisi è il refactoring di un sito/prodotto esistente) Indagine: indagare punti di forza, punti di debolezza. E’ possibile utilizzare la struttura della retrospettiva (“mi piace“, “non mi piace“, “vorrei di più di…“, “vorrei meno di…“)
  • Domande valutative: “Dai un voto a  (funzionalità) da 1 a 10” e successiva indagine sulla risposta –  Se la risposta è 6, la successiva domanda potrebbe essere “Cosa ti farebbe arrivare a 7?”
  • Domande aperte: chiedete agli utenti di descrivere il vostro sito/prodotto/servizio o una funzionalità e verificate la percezione del prodotto stesso/funzionalità al di fuori del team.
  • Analisi rispetto alla concorrenzacome ritieni il mio prodotto rispetto a X, Y“, le domande possono essere impostate sia per somiglianza che per differenza dai competitor.
  • Domande di indagine emozionale: “che cosa ti rende felice del prodotto“, “che cosa trovi frustrante“. Riguardano  l’esperienza d’uso a 360°, quindi comprendono anche il contesto nel quale il prodotto viene fruito
  • Classifiche: indagare le funzionalità rispetto a degli estremi (“cosa ritieni fondamentale? Cosa ritieni totalmente inutile”)

Il conduttore deve aver chiaro lo schema delle domande, ma anche avere la capacità di improvvisare in base all’andamento delle risposte. E’ fondamentale mantenere la guida dell’intervista, mantentendo il focus dell’argomento, senza che l’intervistato fornisca troppe informazioni fuori contesto di indagine.

Attenzione a:

  • domande troppo generiche
  • domande induttive: non fornite mai le risposte nelle domande!
  • verificare le risposte: se siete in dubbio fate delle domande di controllo rimandando la vostra interpretazione della risposta (“Quindi, in questo caso, mi stai dicendo che…“)

Le interviste possono essere condotte di persona o in remoto (telefono, skype, callconf, etcc…). Entrambe le soluzioni presentano pregi e difetti, sia in termini di tempo, disponibilità, buget, sia in qualità del rapporto creato durante l’intervista.

Cercate sempre di creare un ambiente in cui l’intervistato si senta a proprio agio, e dedicate attenzione nell’osservazione di:

  • paralinguistica (tono di voce, altezza, velocità etc…)
  • comunicazione analogica e del corpo e prossemica
interviewing_mech.inddApprofondimenti:
[LIBRO] Interviewing Users - Steve Portigal
Rapport, rispecchiamento, ricalco e guida in un colloquio

[ARTICOLO] 5 Steps to Create Good User Interview Questions